Categoria: Uncategorized

De Vito Poggibonsi

“Qui Open Pier” – MatchDay 16

È l’atto conclusivo: Turini e Virgili per il maschile, De Vito e Gori per il femminile. Si apra il sipario.

di Mattia Galigani

Buon pomeriggio amici del TCP e ben ritrovati con “Qui Open Pier”, la rubrica quotidiana con tutti gli aggiornamenti dai campi della II°Edizione del Torneo Open Memorial “Pier”. Siamo ormai giunti all’atto conclusivo di questa meravigliosa manifestazione che ha scaldato il cuore di tutti gli appassionati con tantissime emozioni. 

Se non mi fossi dilungato ieri sul motivo per il quale ho descritto il quarto di finale di Turini come “blockbuster” avrei rifatto lo stesso ragionamento per rivolgermi all’incontro di ieri. Turini vs Militi Ribaldi. Una sfida inedita. I due non si conoscono, hanno soltanto i cinque minuti di palleggio preliminare per cercare di immagazzinare più informazioni possibili. Anche perché dopo sarebbe troppo tardi. Il perugino Militi Ribaldi è forte, ha un gran servizio e da fondo campo scoppia la palla. Istintivamente mi è venuto in mente un paragone esagerato, quello con l’americano Reilly Opelka. La battuta ovviamente meno incisiva dell’attuale numero 24 ATP ma una buona mobilità in fase difensiva. Un avversario ostico. Non c’è dubbio. 

Turini ormai lo conosciamo tutti. Prestazioni atletiche invidiabili, tecnica sopraffina e un carattere da agonista che pochi possiedono in tutta Italia. Sono anni che si mantiene costante ai vertici della Seconda Categoria, e ci sarà un motivo. 

Turini vs Militi Ribaldi: spettacolo ad ogni punto

Il primo set è combattuto sin dai primi scambi, con entrambi i giocatori che mantengono il proprio turno di battuta. Fare un break a Militi Ribaldi è complicato, se riesce ad impostare lo scambio sul suo gioco è pressoché impossibile. Si va quindi al Tie-Break. Entrambi i giocatori lottano su ogni punto, consapevoli che il tempo per recuperare è troppo poco. Alla fine vince il 2.3 perugino. Prima partita: Militi Ribaldi. 

Nel secondo parziale Turini scende in campo con un appiglio decisamente più offensivo. La scelta tattica di prendere in mano la situazione con precisi colpi da fondo campo volti a muovere l’avversario ripaga sin da subito. Seconda partita: Turini, 6 giochi a 2. 

Per la seconda volta in due partite Turini si ritrova quindi costretto al Super Tie-Break decisivo. Proprio come nel quarto di finale con Terrosi le emozioni non si contano. Turini annulla un match point, in seguito ne spreca due, prima dell’ultimo scambio thriller quando dopo circa venti colpi di grande tennis, il diritto di Militi Ribaldi è appena lungo. Gioco partita incontro Turini: 6-7 6-2 14-12. Per il quarto torneo consecutivo sui campi del TCP, Andrea Turini si giocherà il titolo nella finale.  

Andrea Turini entra nella leggenda del TCP. Considerando tutti i tornei Open organizzati sui nostri campi quella di oggi sarà l’ottava finale disputata.

 

Virgili abbatte il muro Cortecci: è finale

L’altra semifinale vede invece contrapposti due giocatori che da anni sono sulla cresta dell’onda del tennis italiano. Due filosofie di tennis opposte, due modi di interpretare la gara completamente diversi. Entrambi grandi giocatori, su questo non ci sono dubbi. Da una parte della rete la potenza e lo strapotere della Testa di Serie Numero 1 Augusto Virgili, dall’altra la resistenza e la tenacia del 2.4 senese Pietro Cortecci. Tutte le carte in regola per un grande spettacolo. 

Virgili parte subito forte, e come se parte forte. Il suo servizio è impeccabile, devastante ma preciso. La sua tattica offensiva da fondo campo non lascia spiragli a Cortecci che arranca. Tra bordate micidiali e colpi di grande finezza il primo set scorre via veloce. Lo vince Virgili con un clamoroso 6-1. 

Agli inizi del secondo parziale la musica sembra cambiata. Cortecci riprende l’appiglio sull’incontro e inizia a macinare colpi di pregiata fattura, in cambio Virgili è leggermente più falloso. Basta pochissimo in uno sport diabolico come il tennis per stravolgere una situazione che appariva già in cassaforte. Ma è proprio in questi momenti di precarietà e incertezza che il campione tira fuori il coniglio dal cilindro, riuscendo comunque a prevalere. Si tratta proprio di quello che è successo ieri, con Virgili che sul finire del set riesce a tirare una vera e propria graffiata al suo avversario, strappandogli il servizio e andando a concludere con un 6-4 in suo favore. 

Per il 2.3 fiorentino si tratta dell’ennesima finale di un 2021 che gli ha regalato indubbiamente delle grandissime soddisfazioni sportive e oggi sarà concentrato al massimo per mantenere intatta la sua striscia di successi.

Augusto Virgili si prepara a servire nella semifinale di ieri. La battuta si è rivelata un colpo cruciale per sconfiggere Cortecci. 

De Vito suda ma batte una Galieni da applausi

Passando adesso al tabellone femminile, esce tra gli applausi la nostra Eleonora Galieni che ha lottato fino all’ultimo scambio contro la Testa di Serie Numero 1 Chiara De Vito. La 2.4 senese porta a casa agilmente il primo set con il punteggio di 6-1. La partita sembra essere in suo pieno controllo. Il suo tennis è quello di sempre, offensivo e distruttivo. Il suo rovescio a due mani è una sentenza, il dritto lungolinea è imprendibile. Ma Eleonora rimane lì, concentrata, non si perde d’animo e comincia a macinare punti. Con una grande costanza e colpi da capogiro riesce a ristabilire la parità e a portare De Vito fino al Tie-Break, spinta dal calore del pubblico di casa. La giocatrice senese riesce ad approfittare di qualche errore di troppo da parte della nostra atleta e sale in cattedra fino a portare a casa il secondo parziale e la vittoria finale. Per De Vito si tratta della terza finale conquistata sui nostri campi e oggi cercherà di continuare la sua striscia di vittorie iniziata nel 2018 e continuata nel 2020. 

La Testa di Serie Numero 1 Chiara de Vito in azione ieri contro la nostra Eleonora Galieni. Per lei è la terza finale in tre partecipazioni a Poggibonsi. 

Matilde Gori vince e convince, oggi la grande sfida

A cercare di impedire a De Vito di sollevare il trofeo più ambito ci sarà la 2.4 fiorentina Matilde Gori, fresca vincitrice di un ottimo incontro in semifinale. Contrapposta alla 2.6 Carlotta Nassi, Gori ha impostato sin da subito il match sulla strada più adatta alle sue caratteristiche di gioco: offensivo e preciso. Nassi però si rivela un osso durissimo e ne viene fuori un incontro spumeggiante e ricco di punti di grande caratura. Tra scambi infiniti e colpi di genio è la Testa di Serie Numero 2 Gori a portare a casa il primo set: 6-4. Spinta dall’energia positiva accumulata dopo la conquista del primo parziale, nel secondo Gori scende in campo con un agonismo diverso, continuando a macinare punti su punti fino alla vittoria finale, ottenuta con un perentorio 6-1. 

La giocatrice fiorentina, classe 2000 è alla prima finale sui nostri campi dopo averla sfiorata lo scorso anno e sarà sicuramente pronta a renderla indimenticabile. 

La 2.4 fiorentina Matilde Gori pronta a dare battaglia a De Vito per la vittoria finale. 

Domenica 12 settembre 2021

Ore 17:00

Finali Torneo Open II°Memorial “Pier”

  • Virgili Augusto 2.3 (1) vs Turini Andrea 2.3 (2)
  • De Vito Chiara 2.4 (1) vs Gori Matilde 2.4 (2)

A seguire premiazioni e rinfresco per tutti!!

#OPENingtitles #ThisisTCP

virgili semifinale

“Qui Open Pier” – MatchDay 15

Turini al fotofinish ma è semifinale. Virgili e Cortecci distruttivi. Oggi scopriremo chi lotterà per il titolo.

di Mattia Galigani

Buon pomeriggio amici del TCP e ben ritrovati con “Qui Open Pier”, la rubrica quotidiana con tutti gli aggiornamenti dai campi della II°Edizione del Torneo Open Memorial “Pier”. Questo meraviglioso torneo è ormai giunto agli incontri di cartello che tutti aspettavamo di vedere. Oggi infatti, quattro dei migliori giocatori e giocatrici di tutto il panorama nazionale si contenderanno un posto nella finalissima di domani. 

Se dovessi utilizzare una sola parola per definire l’incontro che ha animato la serata di ieri tra il nostro Andrea Turini e il 2.6 sinalunghese Giulio Terrosi mi troverei in grande difficoltà. Nonostante la lingua italiana ci fornisca un’incredibile quantità di aggettivi dimostrando una precisione di espressione quasi disarmante, tutti quelli che mi sono venuti in mente mi sembravano riduttivi. E allora, nonostante non mi piaccia attingere dalle altre lingue, mi vedo costretto a prendere in prestito dagli amici inglesi una parola unica nel suo genere. Secondo i principali vocabolari si tratta di un termine che “suggerisce un qualcosa di nuovo, un fenomeno culturale, uno spettacolo eccitante e incalzante, quasi un genere”. Turini – Terrosi, un vero BLOCKBUSTER del tennis. 

Ritmo sensazionale

La partita scorre a ritmi esaltanti e spettacolari, i colpi di scena non si contano, le azioni stupefacenti neppure. Terrosi vince il primo set con un incredibile 7-6 nonostante si fosse ritrovato attardato di diversi giochi. Sembra che Turini sia entrato in un abisso senza via di uscita, ma è proprio in questi casi di difficoltà che il campione viene fuori e sprigiona tutto il suo orgoglio. Il secondo parziale termina infatti con il punteggio di 7-5 in favore del nostro atleta. Si va quindi al Super Tie-Break, l’innovativa strada di concludere gli incontri che ha da sempre riscosso pareri contrastanti. L’attenzione su ogni punto, su ogni scambio, su ogni palla è altissima e alla fine è proprio Turini a trionfare per 10-8. 

Il nostro Andrea Turini in azione ieri contro il 2.6 Giulio Terrosi. Per “Turins” è la quarta semifinale consecutiva nei tornei Open di casa. 

Il nostro responsabile dello Staff Tecnico scenderà oggi in campo per le semifinali alle 16:30 quando affronterà il 2.3 e Testa di Serie Numero 3 del Tabellone Andrea Militi Ribaldi. Il forte giocatore perugino ha sicuramente faticato meno di Turini nel suo incontro dei quarti, dove ha battuto con un sonoro 6-3 6-2 il 2.8 Alessio Gelli, e sarà pronto a dare battaglia con tutte le sue energie per ottenere un posto in finale. 

Virgili e Cortecci mostruosi. Oggi grande sfida.

L’altra semifinale in campo oggi, in programma alle 18:30, vedrà scendere in campo due giocatori che sono stati letteralmente distruttivi al debutto. La Testa di Serie Numero 1 del Tabellone Augusto Virgili, da poco diventato padre motivo per il quale porgiamo i nostri più sentiti auguri, ha battuto per 6-0 6-1 il nostro Marco Angiolini. Il risultato ovviamente parla chiaro, l’incontro è stato senza storia dall’inizio e il 2.3 fiorentino ha avuto sempre il coltello dalla parte del manico. Da ogni partita però bisogna cercare di trarre qualche insegnamento per migliorarsi continuamente, obiettivo principale di ogni giocatore in questa roulette infinita che si chiama tennis. D’altro canto il vincitore del TCP Open del 2019 è apparso in forma smagliante ed è pronto oggi ad affrontare un altro pezzo da novanta: il 2.4 senese Pietro Cortecci. Quest’ultimo, vincitore dell’Open Indoor TP Service dello scorso gennaio, ha abbattuto con un perentorio 6-2 6-1 il 2.5 Mattia Mannocci. Apparso in ottime condizioni sia fisiche che tennistiche, Cortecci ribadisce ancora una volta la sua ottima posizione da grande candidato alla vittoria finale. 

La Testa di Serie Numero 1 Augusto Virgili in campo ieri. Per lui nel 2019 arrivò un successo al TCP Open di luglio, nel 2020 invece un’eliminazione al primo turno, ma quest’anno è pronto a riscattarsi. 

Semifinali maschili: 

  • Ore 16:30. 

Turini Andrea 2.3 (2) – Militi Ribaldi Andrea 2.3 (3)

  • Ore 18:30 

Virgili Augusto 2.3 (1) – Cortecci Pietro 2.4 (4)

Grandi emozioni nel tabellone femminile

Per quanto riguarda il tabellone femminile, gli incontri dei quarti di finale hanno confermato i pronostici della vigilia ma hanno anche regalato delle sorprese molto gradite.

La Testa di Serie Numero 1 del Tabellone nonché campionessa in carica Chiara De Vito ha avuto un compito facile contro la 2.7 Irene Parigi, sconfitta con un secco 6-2 6-0. Nonostante il suo lavoro da istruttrice abbia ridotto le sue partecipazioni a competizioni agonistiche, De Vito è apparsa con lo stesso grande smalto che l’ha caratterizzata negli anni passati. Grande potenza da fondo campo e un gioco offensivo: le chiavi perfette che cercherà di utilizzare fino alla vittoria. Sua avversaria nella semifinale di oggi in programma alle 18:30 nientemeno che la nostra super Eleonora Galieni autrice di un torneo letteralmente sensazionale. Il ritiro della 2.7 Sofia Scatola nei quarti hanno consentito ad Eleonora di superare il turno senza giocare ma ciò non toglie prestigio a questo ottimo piazzamento, destinato a migliorare se il suo tennis continuerà ad avere il ritmo martellante delle ultime settimane. 

La 2.4 Chiara De Vito in azione durante la finale della I°Edizione dell’Open Memorial “Pier” del settembre 2020. Sua avversaria di oggi, la nostra Eleonora Galieni. 

Gori vs Nassi: grande semifinale alle 16:30

Nella parte bassa del tabellone la certezza è stata la 2.4 fiorentina Matilde Gori, costretta agli straordinari dalla meravigliosa Valeria Madaro. Nonostante la grande differenza di età e il maggior numero di partite disputate di recente, la campionessa mondiale Over 40 ha dato un grande filo da torcere alla giovane giocatrice, portandola fino al Tie-Break nel primo set e lottando anche nel secondo parziale, terminato per 6-3 in favore di Gori. 

L’altra semifinalista è la 2.6 Carlotta Nassi, che con un incontro pulito e splendido dal punto di vista tecnico ha sconfitto la 2.7 Aurora Lisi per 6-4 6-2. 

La Testa di Serie Numero 2 Matilde Gori durante il suo match contro Valeria Madaro. Oggi per la giovane fiorentina un incontro complesso, quello contro la 2.6 Carlotta Nassi

Semifinali femminili: 

  • Ore 16:30 

Gori Matilde 2.4 (2) – Nassi Carlotta 2.6 (3)

  • Ore 18:30 

De Vito Chiara 2.4 (1) – Galieni Eleonora 2.8

Inoltre ricordiamo l’appuntamento di domani, alle ore 17:00, con le due finali in contemporanea, seguite dalle premiazioni e da un aperitivo per tutti. 

Buon Open a tutti!!

#OPENingtitles #ThisisTCP

Il II° Memorial “Pier” entra nel vivo! In campo le Seconde Categorie.

di Mattia Galigani

Dopo due settimane di grande spettacolo sui nostri campi, la seconda edizione dell’Open Memorial “Pier” ChiantiBanca è ormai giunta all’ultima virata prima di entrare nelle fasi finali. Gli incontri ai quali abbiamo assistito hanno regalato spettacolo ed emozioni, destinati sicuramente ad aumentare nel corso dei prossimi turni.

Faranno oggi il loro debutto nel tabellone i primi giocatori e giocatrici di Seconda Categoria, ancora una volta iscritti in grande numero a questa importante rassegna del tennis nazionale. Le prime a scendere in campo alle 15:30 saranno la giovane 2.8 perugina Benedetta Raggiotti e la 3.1 Valeria Madaro, campionessa mondiale in carica nella categoria Over 40.

A seguire sarà la volta di due grandi nostri portabandiera: Elisa Angiolini affronterà la forte 3.1 Costanza Cesari, in un match che si preannuncia scoppiettante, mentre il grandissimo neo-istruttore Tommaso Voltolini è pronto a compiere un’altra impresa contro il 2.8 Francesco Borgogni. Per Voltolini torneo largamente positivo, con già tre vittorie all’attivo nonostante i problemi al gomito che hanno condizionato la sua preparazione in avvicinamento al torneo.

Il grande Tommaso Voltolini in azione durante il suo match di ieri. Solidità da fondo campo e un ottimo approccio offensivo hanno reso possibile la vittoria ai danni del 3.2 Andrea Biotti.

A chiudere il programma della giornata, a partire dalle 19 ci saranno il senese Jacopo Ceccherini, contrapposto al 3.1 Mirco Lorenzi, il 2.7 Gherardo Cacchiarelli che affronterà il giovane 3.1 Elia Tonci e il 2.8 Alessio Gelli, sorteggiato contro il qualificato di spessore Giovanni Mezzedimi, autore ieri di una grandissima vittoria al Tie-Break decisivo ai danni dell’ostico 3.1 Ricky Athuman.

Si preannuncia quindi un lunedì di grande prestigio sui campi del II°Memorial “Pier”. Aggiornamenti in tempo reale sui nostri profili social Instagram (@tcpoggibonsi1963) e Facebook (Tennis Club Poggibonsi)

#OPENingtitles #ThisisTCP

Viciani straripante. Dominio incontrastato alla Racchetta.

di Mattia Galigani

“Il perfetto coronamento di un periodo di forma sensazionale”. Con queste parole si è espresso il nostro Pietro Viciani poco dopo aver conquistato il torneo di III°Categoria “Rodeo” organizzato sui campi del CT La Racchetta di Siena. Un torneo ricco di insidie che si è concluso al meglio per il nostro atleta, vincitore di ben tre incontri prima di aver sollevato il trofeo più prestigioso. Il pensiero va già alle prossime sfide in programma, in cui Pietro sarà sicuramente determinato a ripetere il recente successo.

Partito dai quarti di finale grazie alla sua ottima classifica, Pietro ha da subito affrontato avversari tenaci e pronti a dare del filo da torcere al nostro atleta. Primo tra tutti il giovane 3.3 Riccardo Vegni il quale, dopo una battaglia appassionante, è stato costretto a soccombere alla solidità di Viciani che ha conquistato l’incontro per 4-2 4-3.

Viciani
Il “Pievic” Pietro Viciani premiato vincitore al CT La Racchetta

Solidità e tenacia

In semi-finale, è stata la volta del padrone di casa, il 3.3 Jacopo Ceccherini. Punti estenuanti e azioni di gioco sopraffine hanno costellato l’incontro durante tutta la sua durata. Contro la potenza da fondo campo espressa da Viciani, a nulla è valsa la strenua difesa di Ceccherini, uscito sconfitto dal campo dopo un secco 1-4 1-4.

In finale, ad affrontare Pietro c’è stata la rivelazione del torneo: il 3.3 fiorentino Luca Magliano, già vincitore di ben cinque incontri. Le tante partite disputate in un breve lasso di tempo hanno probabilmente influito sulla tenuta di gioco di Magliano, apparso visibilmente stanco e in difficoltà atletiche. Dall’altra parte della rete un Viciani praticamente perfetto, direttore di orchestra di un gioco preciso e di attacco, perennemente al comando dello scambio e rapido risolutore di situazioni complesse. La pratica è stata archiviata con un perentorio doppio 4-0 che ha consentito al Pievic di vincere il torneo.

Un risultato estremamente positivo per il nostro atleta che in questo 2020 ha alternato prestazioni incredibilmente soddisfacenti, ad altre meno performanti. Rimane comunque un’annata positiva, completata dalla vittoria di questo torneo e dal passaggio alla Serie D1 conquistato nello scorso mese di settembre con un ruolo da assoluto protagonista.

GRANDE!!!

CLICCA QUI per l’intervista post-vittoria di Pietro per Siena TV. (a partire dal minuto 1:17:07).

21° TCP OPEN

Torna lo spettacolo del grande tennis sui campi del nostro circolo!

Il 4 settembre 2020 prenderà infatti il via la 21ma edizione del Torneo Open Città di Poggibonsi Memorial Pier – Trofeo ChiantiBanca. A contendersi il titolo saranno i migliori giocatori del panorama regionale e nazionale che nelle edizioni passate hanno fatto emozionare e divertire tutti. Non ci sono dubbi che anche in questo anno tremendamente particolare riusciranno comunque a portare nella nostra città il grande tennis.

MONTEPREMI: 2.000€ – 1.200€ per il maschile, 800€ per il femminile

Direttore di Gara e Giudice Arbitro: Mario Panti

Assistenti: Francesco Materozzi, Vittorio Bacciottini, Claudio Falciani, Matteo Falciani.

Iscrizioni entro le ore 12.00 dei giorni:

-fino a 3.5: 01 settembre

-da 3.4 a 2.7: 03 settembre

-da 2.6 a 1: o5 settembre

Quota iscrizione:

-Over 16: 20€ + 8€ di quota FIT

-Under 16: 11€ + 4€ di quota FIT

Tabelloni e orari: 03 settembre dopo le 18:00

Si gioca con palle Babolat, su campi in terra o gomma, al meglio dei 2 set su 3 con tie-break in tutti i set.

Inizio gare: venerdì 04 settembre dalle ore 16:30

Orario di gioco:

-feriali: 14:00-23:00

-sabato e domenica: 09:00-23:00

Per informazioni telefonare al circolo (o577 933422) oppure direttamente al Giudice Arbitro Mario Panti (339 1552421)

TABELLONI E ORARI